Pesce, frutti di mare, prodotti ittici e acquacoltura in Albania

(da “Rapporto sui GAP esistenti e le migliori pratiche”) L’Albania è un Paese ricco di risorse idriche, con una fascia costiera di 476 km, dove si svolgono attività di pesca, comprese le sue acque territoriali (12 miglia dalla linea di base). Tuttavia, le attività di pesca si concentrano principalmente sulla piattaforma continentale, che sul lato Adriatico a nord si estende per 25 miglia, ma solo per 2-4 miglia sul lato del Mar Ionio. Le acque interne dipendono da 10.600 ettari suddivisi in otto grandi lagune costiere che supportano la pesca commerciale. Inoltre, la pesca nelle acque interne beneficia di 247 laghi naturali con una superficie totale di 1.210 kmq tra i quali la pesca avviene principalmente in cinque laghi, quattro dei quali sono grandi laghi transfrontalieri, vale a dire Scutari, Ohrid e il maggiore e il minore Prespa laghi.

A seguito del processo di transizione avviato nel 1991, il settore della pesca ha avviato un processo di sviluppo ancora in corso sulla base delle capacità ereditate dal passato. Indicatori di tale sviluppo includono, ad esempio, il frequente consumo di pesce tra la popolazione albanese del nord-est che un tempo non consumava affatto pesce, il formidabile aumento delle pescherie ad esempio a Tirana rispetto a non molto tempo fa e il graduale aumento andamento del consumo medio annuo pro capite di prodotti della pesca e dell’acquacoltura dai 4,9 kg/anno valutati nel 2010 ai 5,3 kg/anno stimati nel 2016.

Oggi la pesca (compresa la pesca selvatica e l’allevamento ittico) occupa un posto importante nell’economia albanese, anche se il contributo del settore al Prodotto Interno Lordo (PIL) è relativamente basso allo 0,3%. Il settore racchiude elevate potenzialità di crescita da sfruttare attraverso la formulazione e l’adozione di adeguate politiche sostenute da investimenti efficienti.

La pesca marittima fornisce oltre il 52% del pescato e il 61% del valore con lagune costiere e acque interne che producono rispettivamente il 21% del pescato ma solo il 13% del valore. L’acquacoltura sta aumentando di importanza con il 27% delle catture e il 26% del valore.

L’occupazione totale a tempo pieno nel settore della pesca e dell’acquacoltura è stimata in più di 4200 persone con un numero significativo di donne impiegate nell’industria di trasformazione e nei servizi ausiliari.
La produzione primaria totale della pesca è aumentata negli ultimi anni con un contributo significativo fornito dalla pesca marittima, la quota crescente della produzione dell’acquacoltura e un contributo minore dalle acque interne che mostrano tuttavia un trend in crescita. Al contrario, la produzione delle lagune costiere mostra un trend di contrazione.

L’industria di trasformazione del pesce è rappresentata da 24 aziende autorizzate a lavorare il pesce destinato all’esportazione verso i mercati dell’UE. Le principali aziende di trasformazione sono a Elbasan, Lezha, Durazzo e Scutari.

Per quanto riguarda il mercato dei prodotti della pesca, il trend indica che circa il 25-30% della produzione viene commercializzata nel mercato locale (fornito preferibilmente con i prodotti della pesca artigianale), qualcosa di meno nella regione dove si offrono prezzi meno interessanti rispetto al Paesi europei e il restante è orientato all’esportazione verso il mercato UE. L’export di pesce e frutti di mare sta quadruplicando, rispetto al 2013, nel corso del 2019 il valore delle esportazioni di pesce albanese ha raggiunto i 100 milioni di euro e durante i primi sei mesi del 2020 si è registrato un ulteriore aumento del 24,5%. I principali prodotti dell’acquacoltura esportati sono i pesci marini ei prodotti conservati (pesci e molluschi).

Lo sviluppo del settore dell’acquacoltura ha seguito la domanda dei consumatori interni, in particolare per i prodotti ittici marini e il suo trend di crescita è più performante rispetto alla pesca. Tuttavia, l’importazione di prodotti dell’acquacoltura marina (branzini e orate) è necessaria per coprire completamente la domanda interna.

Articoli correlati
Community Labs, Good Practices, Good Practices
Come i Community Lab Food4Health aiuteranno le piccole e medie imprese locali?
venerdì, 3 Dicembre 2021
Good Practices
Carne e prodotti a base di carne in Albania
mercoledì, 2 Marzo 2022
There is new content on "Good Practices"
This is default text for notification bar