Buone pratiche, produzione di latte e prodotti a base di carne in Montenegro (1a parte)

Su un totale di 43.791 aziende agricole, secondo MONSTAT, ben 31.260 hanno un qualche tipo di produzione zootecnica, che costituisce il 71% di tutte le aziende agricole. È simile se guardiamo i dati del registro delle aziende agricole, dove su un totale di 17.288 aziende registrate, 7.881 o il 46% sono impegnate nella zootecnia. A questo numero si aggiungono 1.865 o poco più del 10% che hanno una produzione mista. In alcuni comuni come Savnik, Plužine, queste percentuali sono estremamente alte – 93% e 84%.13 È ovvio che mantenere il bestiame, sia per le esigenze di produzione di latte che di carne, è l’attività agricola più importante in Montenegro.

Uno dei criteri di intensità più importanti – la presenza di bestiame è il numero di unità di bestiame (LSU) per unità di superficie agricola utilizzata. Nell’UE, ammonta a 0,77 LSU per ettaro di superficie agricola utilizzata e varia da 0,25 LSU/ha di superficie agricola utilizzata in Bulgaria a 3,6 LSU/ha e 3,9 LSU/ha a Malta. In Serbia, il livello di densità di produzione animale è di 0,6 LSU/ha. Secondo i dati del Censimento dell’Agricoltura, il numero totale di aziende agricole in Montenegro che utilizzano prati e pascoli perenni era di 43.142. Gli ultimi dati disponibili del Censimento dell’Agricoltura mostrano che la superficie media di prati e pascoli perenni per azienda agricola è di 4,87 ha, e 1,78 LSU/ ha.14 Del totale dei terreni agricoli utilizzati, il 96% è utilizzato per la produzione zootecnica, di cui la maggior parte è in prati e pascoli perenni, fino al 94%.

La posizione del terreno, la qualità e la coltivazione del terreno e altre condizioni hanno contribuito alla riduzione della fertilità e quindi al suo degrado. Senza copertura vegetale, il suolo è esposto a processi di erosione e il degrado è causato da inondazioni, deterioramento della struttura e altre forme di degrado fisico, chimico e biologico.15 Dal punto di vista dello sviluppo rurale, il bestiame e il settore lattiero-caseario forniscono un impiego continuo della forza lavoro, nonché un ulteriore impiego della forza lavoro femminile, che è particolarmente importante nelle condizioni di elevata disoccupazione che colpisce le zone rurali. Inoltre, gli allevamenti di bestiame generano più reddito durante l’anno rispetto alla produzione agricola, il che ha un effetto positivo sulla liquidità delle aziende agricole e sul tenore di vita della popolazione rurale.

La catena di mercato del settore lattiero-caseario è caratterizzata da una struttura frammentata di attori per lo più piccoli, e quindi dal difficile compito di introdurre il più possibile l’offerta di latte crudo e prodotti finiti nella sicurezza e nel controllo di qualità. La produzione totale è ancora dominata da piccole aziende agricole impegnate nella produzione di latte, che partecipano all’offerta totale con circa il 67% di latte crudo.

D’altra parte, le capacità di lavorazione dell’industria lattiero-casearia e la lavorazione in azienda sono approssimative, ma le due catene sono significativamente diverse perché la lavorazione in azienda ha un basso grado di dipendenza da altri attori, oltre a:
• strategia di ricavi diversificata / ibrida – circa 300 aziende agricole consegnano il latte per l’acquisto solo in inverno, quindi la stagionalità nell’offerta è condizionata non solo dal ciclo produttivo ma anche da altre opportunità di immissione sul mercato principalmente formaggi e prodotti lattiero-caseari dependence dalla domanda attraverso il turismo, in particolare per prodotti di alto valore e premium, quota significativa di vendite dirette Alto grado di informalità del settore, i contratti sono rari e l’influenza degli attori che sono più vicini alla fine della catena è dominante e, d’altra parte, vengono costruite partnership di qualità con i maggiori fornitori di latte crudo. Non c’è una grande concentrazione nella produzione, e in una certa misura c’è nella lavorazione dove i due più grandi caseifici acquistano quasi la metà del latte in acquisto. Nel punto vendita, le catene di vendita al dettaglio svolgono un ruolo importante, ma anche la loro importanza è sopravvalutata, tranne quando si tratta di prodotti lattiero-caseari industriali. C’è un gran numero di catene, e poi c’è una quota significativa di posizionamenti in piccoli negozi, mercati e persino vendite dirette di produttori. L’interesse per il networking e l’organizzazione professionale a livello di settore appare nella campagna e senza continuità, spesso stimolato dalle attività del progetto.


Estratto e rielaborato dal documento: “Rapporto sui PRODOTTI sui regimi di qualità e la salute dei consumatori in Montenegro”. La relazione è uno dei risultati dell’attività “Scambio e trasferimento di conoscenze sulle migliori pratiche in materia di regimi di qualità e salute dei consumatori” WPT1 “Migliorare le condizioni quadro coss-border per la valorizzazione della catena del valore agroalimentare e della pesca”.

Articoli correlati
Good Practices, Conoscenza e Innovazione per un Consumo Sostenibile, Qualità e Sostenibilità
BEST PRACTICES ON QUALITY SCHEMES AND CONSUMER HEALTH in Apulia Region
martedì, 15 Giugno 2021
Good Practices
Agricoltura in Albania
lunedì, 14 Febbraio 2022
Community Labs, Good Practices
Consorzio di gestione del Laboratorio Comunitario Food4Health (Tricase, IT)
martedì, 15 Febbraio 2022
There is new content on "Good Practices"
This is default text for notification bar