Buone pratiche, filiera dell’olivo e dell’olio in Montenegro (4a parte)

Come abbiamo visto nel capitolo precedente, il Montenegro, attraverso misure di sostegno all’agroalimentare, incoraggia l’introduzione di tutte queste forme di protezione del nome / prodotto e del processo di produzione, ma nonostante questo sostegno, l’interesse per la certificazione attraverso questi schemi di qualità è stato finora limitato.

Il Montenegro è anche dichiarato un paese ecologico (biologico) dalla Costituzione, e che con le sue predisposizioni naturali (ambiente naturale preservato, basso livello di inquinamento e una grande quota di ecosistemi protetti e preziosi), e in particolare per l’olivicoltura, l’esistenza di un gran numero di uliveti antichi e incontaminati conservati e basi di risorse naturalmente adatte per la diffusione dell’olivicoltura biologica, è in gran parte in accordo con la filosofia e la direzione futura dell’agricoltura europea.

Pertanto, sarebbe logico aspettarsi un numero maggiore di produttori biologici di olive e olio d’oliva in Montenegro, ma sfortunatamente questo non è accaduto finora. Per quanto riguarda la produzione biologica nel settore olivicolo del Montenegro, nel database dell’ente di certificazione nazionale Monteorganica troviamo uno, ora produttore biologico registrato a lungo termine nel settore olivicolo (compresa la trasformazione in olio d’oliva), e sette olivicoltori che nel periodo di transizione, alla certificazione, da un totale di oltre 420 utenti registrati provenienti da altri settori dell’agricoltura, e i produttori in fase di registrazione per la produzione biologica.10 Questo aumento del numero di olivicoltori che entrano nella produzione biologica è un segnale incoraggiante, in quanto non vi è stato alcun cambiamento nel numero di produttori biologici nel settore olivicolo per lungo tempo.

Tra i motivi principali per cui non registriamo un gran numero di produttori biologici nel settore olivicolo, si afferma quanto segue:
• Mancanza di consapevolezza sull’agricoltura biologica e sui suoi benefici per i produttori,
• Percezione che la certificazione e la coltivazione biologica siano impegnative e inaccessibili, soprattutto nel caso di piccoli uliveti,
• Paura che, a causa di piccole piantagioni, ci sarà contaminazione delle piantagioni da parte degli uliveti circostanti convenzionali,
• Timore che, con l’ingresso nel programma biologico e la perdita del diritto di utilizzare fertilizzanti convenzionali e pesticidi/erbicidi, ci sarà una riduzione delle rese e un aumento dei danni da malattie e parassiti, e di conseguenza maggiori costi di produzione e minori ricavi,
• Dubita della disponibilità del mercato interno a riconoscere e premiare il prodotto biologico.

In generale, si può riassumere che i produttori sono ancora piuttosto scettici sui vantaggi e i benefici della produzione biologica, sulla sostenibilità del modello di produzione biologica e sulla volontà del mercato (consumatori) di riconoscere e premiare un prodotto certificato biologicamente. L’emergere di un certo numero di nuovi produttori interessati che entrano nel sistema di produzione biologica è un buon segno, mentre i segnali dei potenziali utenti raccolti attraverso questa analisi sono incoraggianti. Pertanto, ulteriori sforzi dovrebbero essere diretti verso misure volte a sostenere i produttori e informare ed educare i produttori e i consumatori, al fine di raggiungere finalmente un numero significativo e concreto di oli d’oliva montenegrini certificati biologicamente. Un forte impulso allo sviluppo del settore biologico potrebbe essere il collocamento attraverso il turismo d’élite e per i consumatori che sono consapevoli dell’ambiente e hanno il potere d’acquisto per pagare un prodotto più costoso e certificato.

Sfortunatamente, finora in Montenegro non registriamo un solo olio d’oliva il cui nome sia protetto con successo da questo regime di qualità, nonostante l’ovvia esistenza di parametri di base chiave richiesti per tale registrazione: specifiche della gamma (varietà di olive autoctone), regione di produzione tradizionale (Ulcinj / Bar / Budva e la regione di Herceg Novi, Kotor, Tivat) e le specifiche dell’olio stesso, infine, le prove storiche della produzione di questi oli e il loro riconoscimento a lungo termine da parte dei consumatori. Secondo i risultati, è attualmente in fase di stesura delle specifiche di Bar Olive Oil, è prevedibile che altre regioni montenegrine in cui l’olio d’oliva è tradizionalmente prodotto inizieranno il processo di stesura delle specifiche e la protezione dei nomi dei loro oli. È in corso il processo di registrazione del primo panel montenegrino per la valutazione organolettica dell’olio d’oliva, che è un passo significativo nel miglioramento del controllo di qualità dell’olio d’oliva.


Estratto e rielaborato dal documento: “Rapporto sui PRODOTTI sui regimi di qualità e la salute dei consumatori in Montenegro”. La relazione è uno dei risultati dell’attività “Scambio e trasferimento di conoscenze sulle migliori pratiche in materia di regimi di qualità e salute dei consumatori” WPT1 “Migliorare le condizioni quadro coss-border per la valorizzazione della catena del valore agroalimentare e della pesca”.

Articoli correlati
Good Practices
Best Practices, Filiera vitivinicola in Montenegro (parte 2ns)
mercoledì, 22 Dicembre 2021
Good Practices
Principali filiere agroalimentari in Albania
sabato, 5 Marzo 2022
Cittadini e Consumatori, Good Practices
Buone pratiche, con CI.BU.S. uno “start” per l’Human Pole Puglia
giovedì, 27 Gennaio 2022
There is new content on "Good Practices"
This is default text for notification bar